Si riparte da Istanbul: per aiutare le donne

Il Senato ha approvato in via definitiva la ratifica della Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta contro la violenza alle donne. Il provvedimento, già passato alla Camera

È finita con un lungo applauso e l'approvazione in Senato, con 276 voti a favore e un astenuto, la discussione sulla ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'Europa, sulla prevenzione e la lotta contro la violenza alle donne siglata a Istanbul nel maggio del 2011.

Il provvedimento, già passato alla Camera, è stato approvato in via definitiva ed è legge, entrando nell'ordinamento giudiziario del nostro Paese, ma servono le ratifiche di altri 5 Paesi perché possa entrare in vigore.

Prima della votazione, l'Aula ha osservato un minuto di raccoglimento per ricordare, tutte le donne, ragazze, bambine che hanno subito violenza fisica e psicologica.

'E' un atto importante, che impegna questo Parlamento a realizzare misure concrete, come il finanziamento dei centri antiviolenza'', ha dichiarato la vicepresidente del Senato, Valeria Fedeli, che ha proposto di lavorare su tre punti per rendere gli obiettivi della Convenzione effettiva: stereotipilinguaggio,educazione
"I primi due punti - ha osservato la senatrice del PD - sono costruzioni sociali radicate, fino a divenire idee stabili che si tramandano tra generazioni, nelle famiglie, nelle scuole. Le cose hanno iniziato a cambiare da quando il movimento femminista e femminile ha proposto una diversa idea della donna. Ma adeguare il linguaggio e superare la banalizzazione delle scorciatoie cognitive è difficile e lento, e siamo molto indietro", ha osservato Fedeli. "Per quel che riguardal'educazione, è il mezzo più potente per cambiare il mondo e per produrre una società più giusta e con meno violenza''.

*****

La ratifica della Convenzione di Istanbul, il trattato contro la violenza sulle donne, con l'ok del Parlamento, detta le misure per fermare la mano assassina del femminicidio. 
Primo passo importante è mettere la parola fine a questa scia di sangue che, negli ultimi anni, è uscita dal silenzio e si è manifestata attraverso episodi di estrema ferocia. 
Nel provvedimento, che punta molto su prevenzione e formazione, le linee guida per arginare il triste e grave fenomeno che semina quotidianamente vittime. Per queste ultime, la Convenzione riconosce il soccorso immediato. E se la mano armata dalla violenza è quella di un genitore, il provvedimento tutela il minore stabilendo la possibilità di incontri futuri solo dopo un'attenta valutazione di rischi. 
Uno dei primi passi fondamentali resta il riconoscimento della violenza maschile sul corpo e sulla psiche delle donne, avviando così un percorso di prevenzione per contrastarla. Un modo questo per archiviare una vecchia mentalità che ha reso il femminicidio un tabù per troppi anni. Un fenomeno che si è alimentato con il silenzio delle vittime e proseguito la sua marcia con un passo sempre più veloce. 
Ed è qui che si inserisce il ruolo fondamentale di scuole ed università che, attraverso l'introduzione di vere e proprie discipline, possono veicolare messaggi volti ad educare e sensibilizzare al tema. 
Con il testo si pone particolare attenzione anche all'uso che i mezzi di comunicazione fanno del corpo femminile anche solo per pubblicizzare prodotti. Per questo si fa appello ai governi che sottoscrivono il documento affinchè possano indirizzare anche i media verso il rispetto delle donne. Ed ancora si vuole potenziare e dare sostegno ai centri addetti al sostegno delle vittime di violenza. Strutture che attraverso il supporto psicologico fanno emergere anche altri aspetti discriminatori che ostacolano il percorso delle donne, in primis il lavoro. 
La Convenzione impone agli Stati aderenti di punire, con conseguente risarcimento dei danni, una serie di comportamenti di violenza nei confronti delle donne. Ne fanno parte lo stalking, la violenza fisica, lo stupro, il matrimonio forzato, le mutilazioni genitali, l'aborto o la sterilizzazione forzati e le molestie sessuali.

agenda

No Calendar Events Found or Calendar not set to Public.

Galleria Fotografica

1 bersani napoli
1 bersani napoli
camusso e bersani a napoli 18 febbraio 2012 dalle donne democrartiche
camusso e bersani a napoli 18 febbraio 2012 dalle donne democrartiche
imag0019
imag0019
imag0020
imag0020
imag0021
imag0021
1 bersani napoli
1 bersani napoli
2 assessore puglia napoli
2 assessore puglia napoli
3 delegazione veneto napoli
3 delegazione veneto napoli
4 sottosegretario napoli
4 sottosegretario napoli
5 camusso napoli
5 camusso napoli
6 camusso napoli
6 camusso napoli
1230
1230
1233
1233
1234
1234
1235
1235
1240
1240
1242
1242
1244
1244
1245
1245
1248
1248
1250
1250
1252
1252
1253
1253
1255
1255
308663_2427024885167_1314301463_n
308663_2427024885167_1314301463_n
429759_266510893426602_396276431_n
429759_266510893426602_396276431_n
458146_3567173610444_1376152172_o
458146_3567173610444_1376152172_o

News

Ultimi commenti

aderisci alla conferenza

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o preventivi. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
 
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

Login Form